5 Feb 2023, 22:20
5.8 C
Arona

“Sacri Monti in Musica” coinvolge i ragazzi dei licei musicali in un percorso all’insegna della creatività.

Data:

Condividi articolo:

ORTA SAN GIULIO – 
“Sacri Monti in musica” è un ambizioso progetto che coinvolge i licei musicali del Piemonte e della Lombardia in un percorso in cui i ragazzi, ispirati dal patrimonio monumentale, ambientale e paesaggistico realizzeranno opere musicali che saranno poi eseguite tra le cappelle dei Sacri Monti patrimonio Unesco.
«Si tratta di un progetto a cui l’Ente di Gestione tiene molto perché si propone di avvicinare i ragazzi e di appassionarli alla storia dei Sacri monti, facendoli diventare una vera e propria fonte di ispirazione – spiega la presidentessa dell’Ente, Francesca Giordano – Nel corso dell’anno appena trascorso sono stati avviati i primi seminari e le visite guidate. I ragazzi saranno poi chiamati a delle sessioni musicali in loco tra i monumenti dove l’ambiente, con la sua acustica peculiare, favorirà l’ispirazione ed è ideale per suonare».
Il percorso creativo dei ragazzi, supportati dai docenti e dal personale dell’Ente di gestione, proseguirà poi fino all’elaborazione di alcune opere che saranno valutate nell’ambito di un contest, le più meritevoli entreranno in un programma musicale vero e proprio che prevedrà anche un evento finale previsto in primavera a Varallo.
Il liceo Gobetti di Omegna è stato individuato come scuola capofila e si occuperà di alcuni importanti aspetti organizzativi e di coordinamento. Ai ragazzi di ciascun liceo è stato assegnato un Sacro Monte di riferimento: Varallo al liceo musicale di Vercelli, Orta al liceo di Novara, Crea ai licei musicali di Alessandria e Asti, Oropa ai licei musicali di Torino, Domodossola al liceo di Omegna, Belmonte al liceo musicale di Chivasso, Ghiffa ai licei di Alba e di Omegna, Varese agli studenti del liceo di Varese e Ossuccio ai ragazzi che frequentano il liceo di Como.
«Dare la possibilità ai ragazzi di suonare nella cornice dei Sacri Monti è una occasione splendida – prosegue Giordano – alcuni di essi si prestano particolarmente ad ospitare eventi musicali di richiamo, come avviene ad esempio a Varallo con il festival Gaudete o a Ghiffa che ospita appuntamenti dello Stresa Festival. Auspico che questa iniziativa possa rappresentare un primo passo di apertura anche verso la musica classica proposta dai ragazzi e possa rappresentare occasione di scoperta dei Sacri Monti per un pubblico più vasto».
Il progetto è stato ritenuto di particolare rilievo e ha ottenuto nel 2020 un sostanzioso contributo dal Ministero della Cultura, grazie ai fondi della Legge 77/2006, che finanzia specificatamente attività di promozione dei siti italiani UNESCO tramite il competente ufficio della Direzione Cultura della Regione Piemonte.

Articoli correlati

Borgomanero, sopralluogo ad Aosta in vista dell’ampliamento del complesso di via A. Moro

BORGOMANERO - Nella giornata del 1° febbraio, il consigliere delegato all’Edilizia scolastica della Provincia Andrea Crivelli ha partecipato,...

Lesa, il 9 febbraio incontro con il professore Marco Bacchetta della scuola “Cavallini”.

LESA (n.l.) - Giovedì 9 febbraio alle ore 16 nel Centro Incontro Lesiano, avrà luogo un incontro con...

Arona, 18 e 19 febbraio corso di formazione sugli orti didattici.

ARONA (n.l.) - Il prossimo 18 e 19 marzo nella sede di Biomatto di Arona, sita in via...

Belgirate, sabato 4 febbraio al via la presentazione del libro libro “Milano da romantica a scapigliata”.

BELGIRATE (n.l.) - Sabato 4 febbraio alle ore 17, nella sala Borsieri di Scalone Cairoli 3 di Belgirate,...
Scrivici su Whatsapp!