4 Dic 2022, 18:57
7.9 C
Arona

Un anno fa la tragedia della funivia del Mottarone

Data:

Condividi articolo:

Il 23 maggio del 2021, poco prima di mezzogiorno, una cabina della funivia Stresa – Mottarone, con a bordo 15 persone, crollò rovinosamente al suolo causando la morte di 14 persone. Un solo sopravvissuto, Eitan Birag di 6 anni. Il piccolo, nell’incidente ha perso i genitori, i nonni materni ed il fratellino di soli due anni. Una tragedia che ha colpito il lago Maggiore e l’Italia intera: dopo un anno di pandemia lentamente la vita stava tornando alla normalità, quando questa tragedia ha spezzato sul nascere il desiderio di tutti di concedersi una estate spensierata. Le tappe dell’inchiesta sono state lunghe ed estenuanti.
Innanzitutto, la dinamica dell’incidente: la fune traente, composta di 114 fili acciaio) si è spezzata e la cabina è scivolata all’indietro. Ma c’è un altro particolare che rende l’incidente ancora più tremendo. La cabina aveva i freni di emergenza bloccati da un gancio chiamato “forchettone” che impedisce alle ganasce di chiudersi e che viene utilizzato solo in fase di controllo. In quel caso, il gancio non venne tolto.
Ma alla luce delle numerose analisi, svolte dagli inquirenti, risultò che l’impianto stesso della funivia non era sottoposto a controlli serrati, così come dovrebbe essere per obbligo di legge.
Ad oggi la vicenda giudiziaria è lungi dall’essere ad un buon punto: in ordine di tempo l’ultima notizia è che la Cassazione ha annullato con rinvio a una nuova sezione del Tribunale del Riesame di Torino il provvedimento con cui, nell’ottobre del 2021, era stato accolto il ricorso della Procura di Verbania e disposti gli arresti domiciliari per Luigi Nerini ed Enrico Perocchio, due degli indagati per l’incidente.

di Giulia Dusio

GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Il 12 maggio la funivia è stata riavviata, ma soltanto per consentire verifiche tecniche ai periti che indagano. Ma non è ancora stata scritta l’ultima parola.

A fine 2021 è stato approvato l’ordine del giorno presentato dall’Onorevole Alberto Gusmeroli, vicesindaco di Arona, che prevede il ripristino della funivia del Mottarone. Gusmeroli aveva avuto un colloquio con il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, durante il quale aveva spiegato l’importanza della funivia, struttura

strategica per l’economia del territorio.
A questo proposito, poche settimane fa, il ministro Garavaglia ha nominato un consulente per la ricostruzione della funivia: è Angelo Miglietta, prorettore dell’università Iulm di Milano e docente di economia delle imprese, che ha studiato impianti ad alta tecnologia, come lo skyway del Monte Bianco. Sarà lui a dirigere gli incontri tecnici per valutare i progetti migliori per la ricostruzione della funivia. (g.d.)

GLI EVENTI DEL RILANCIO

Lo sport per il rilancio del Mottarone?

Le premesse ci sono tutte, perché tra la primavera e la fine dell’estate la montagna del lago Maggiore sarà protagonista di due eventi. Il primo si è svolto il 7 e 8 maggio: si tratta della Vibram Trail Mottarone, organizzata dall’A.s.d. Motty Green Trail Team.
Una gara per appassionati di trail che partendo dal centro di Stresa ha il suo arrivo sulla cima del Mottarone. Oltre 250 atleti provenienti da diverse regioni d’Italia e dall’estero, si sono sfidati in diverse gare, dalla più estrema la 90km Vibram Maxi Trail Mottarone, fino alla più “facile” 12km Vibram Mottyno Run Mottarone. Ma l’evento che gli amanti delle corse più pazze sulle due ruote aspettano è di sicuro “Redbull Mottarone”, il prossimo 3 settembre. Si tratta di una gara ciclistica decisamente particolare, la Graziella Extreme. Gli atleti, infatti, risaliranno i tornanti verso la vetta in sella a biciclette Graziella appositamente modificate.

Articoli correlati

CONSIGLIO PROVINCIALE: APPAROVATA LA VARIAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE E PLURIENNALE

NOVARA - Durante la seduta dello scorso 29 novembre, il Consiglio provinciale ha approvato a maggioranza la variazione...

Omegna, approvato il documento Unico di programmazione per il triennio 2023-2025

OMEGNA - Si è tenuto venerdì 25 novembre il Consiglio Comunale di Omegna. Tredici i punti all’ordine del...

Arona, “L’amore non colpisce in faccia mai” va in scena al Teatro San Carlo.

ARONA - Teatro San Carlo gremito ieri sera 25 novembre, per l’esibizione del laboratorio teatrale My Fermi dell’Istituto...

Arona, staffetta Wings stop Whistles per l’eliminazione della violenza contro le donne

ARONA - In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne l'Assessorato alle Pari Opportunità...
Scrivici su Whatsapp!