22 Feb 2024, 04:37
9.6 C
Arona

Successo per L’arca di Noa.

Data:

Condividi articolo:

Per il secondo anno consecutivo, Arona ha accolto il festival L’arca di Noa. Il comune e il ministero della cultura hanno patrocinato l’edizione 2023 del festival, caratterizzato dalla multiculturalità, dalla gioia per la vita e da una forte invocazione della pace. Il festival si è suddiviso in quattro serate a partire dal 22 fino al 25 giugno, nella meravigliosa cornice del parco della Rocca Borromea, vera e propria perla del Lago Maggiore. L’incanto della location si è fuso a quello dato dal talento degli artisti presenti, venuti da tutto il mondo. Ogni serata ha toccato una tematica differente: il 22 giugno si sono esibiti Hila Karni, Lir Vaginsky e il pianista francese David Fray in un concerto il cui tema era la bellezza, il 23 giugno gli artisti Iñaki Salvador e Judit Nedermann hanno coinvolto il pubblico con la loro eccezionale musica basca e catalana, simbolo della loro identità. L’argomento del concerto del 24 giugno riguardava il conflitto e come esso si possa risolvere nell’armonia della musica: protagonisti Vadim Neselovskyi dall’Ucraina e Sistanagila da Iran e Israele. Il festival si è chiuso con una spumeggiante serata jazz con Noa e Gil Dor come leading act, accompagnati dal trio italiano di Antonio Faraò e dal pianista e compositore Omri Mor. Proprio Noa ha partecipato come guest star ad alcune delle serate, duettando impeccabilmente con gli artisti invitati a esibirsi, come è accaduto la sera del 24 giugno, quando Noa ha festeggiato il suo cinquantaquattresimo compleanno collaborando impeccabilmente con il talentuoso pianista Iñaki Salvador e l’ammirevole cantante Judit Nedermann, cantando“Txoria txori” e “Beautiful that way” – brano colonna sonora della pellicola “La vita è bella”. Tra applausi e gli innumerevoli “bravi!”, il festival è stato un successo. Tra il pubblico anche il sindaco di Arona Federico Monti, il deputato e vice sindaco Alberto Gusmeroli e l’attuale ministro dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti. Noa, pseudonimo di Achinoam Nini, è un’artista israeliana che ha vissuto tra Yemen, Israele e gli Stati Uniti. Da sempre si è impegnata a trasmettere il suo messaggio di pace, anche attraverso la sua arte e la fondazione nel 2022 del festival “Noa’s Ark”, L’Arca di Noa, volto ad approfondire la possibilità di convivenza pacifica tra i popoli utilizzando la diplomazia come strumento di mediazione tra culture differenti.

Sandra Spoto

Articoli correlati

Lesa, Calogna avrà un nuovo campo da calcio

LESA. Nella frazione di Calogna, nei giorni scorsi, sono iniziati i lavori per la realizzazione del nuovo campetto...

Nebbiuno, la 99enne Anna Possi diventerà Cavaliere al merito della Repubblica

NEBBIUNO- Anna Possi, la barista più anziana díItalia e forse d'Europa che a 99 anni gestisce in autonomia...

Belgirate, nuovi orari per il Servizio Demografico

BELGIRATE. L'ente comunale di Belgirate informa i cittadini che é subentrato il nuovo orario di apertura al pubblico...

Terminato l’intervento di riqualificazione del marciapiede di viale delle Rimembranze al cimitero di Pallanza

PALLANZA - “Sono terminati in questi giorni – comunica il sindaco di Verbania Silvia Marchionini - i lavori...
Scrivici su Whatsapp!