4 Dic 2022, 20:39
7.9 C
Arona

Indagini diagnostiche su statue e dipinti del Sacro Monte: al via la collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale

Data:

Condividi articolo:

Un accordo tra Ente di Gestione dei Sacri Monti del Piemonte e Università del Piemonte Orientale per monitorare lo stato di conservazione dei dipinti e delle statue. L’attività di monitoraggio parte da Crea, in Monferrato, dove Maria Grazia Laganà, una studentessa che si sta laureando con il professor Maurizio Aceto, docente di chimica analitica presso il Dipartimento per lo sviluppo sostenibile e la transizione ecologica dell’UPO, sta effettuando una tesi di laurea sullo stato di conservazione delle opere d’arte del Sacro Monte.

«Con una piccola equipe effettuiamo indagini diagnostiche sul posto, rilievi e micro-campionamenti sui dipinti e sulle cromie delle statue che vengono successivamente analizzati in laboratorio – spiega il professor Aceto – Il nostro obiettivo principale è valutare lo stato delle cromie e ottenere tutte quelle informazioni utili a orientare i possibili futuri restauri. Analizzando i pigmenti possiamo infatti ottenere moltissime informazioni utili, che spaziano dalla datazione, fino al pregio dei pigmenti utilizzati che ci consente anche di ipotizzare la committenza più o meno facoltosa delle opere, fino alla rilevazione di interventi postumi di restauro cui magari non risulta traccia documentale».
Tutte le attività di studenti e ricercatori sono coordinate con la Sovrintendenza e con l’Ente di Gestione dei Sacri Monti.

«Sono particolarmente lieta di questo primo passo che va nella direzione di una collaborazione sempre più stretta con l’Università del Piemonte Orientale – spiega Francesca Giordano, presidente dell’Ente di Gestione dei Sacri Monti – L’interesse dei ragazzi riguardo il patrimonio artistico del territorio è un segnale importante e sono convinta che questa attività, partendo da Crea, potrà interessare anche altri Sacri Monti del Piemonte. Lo studio si rivelerà molto utile anche per orientare possibili interventi conservativi e di restauro, in uno scenario dove le risorse a disposizione devono essere utilizzate nella maniera più oculata possibile». 

Articoli correlati

CONSIGLIO PROVINCIALE: APPAROVATA LA VARIAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE E PLURIENNALE

NOVARA - Durante la seduta dello scorso 29 novembre, il Consiglio provinciale ha approvato a maggioranza la variazione...

Arona, letture sulla slitta in biblioteca. S’inizia sabato 3 dicembre

ARONA - Con l’avvicinarsi del Natale ritornano le letture a tema in biblioteca dedicate ai più piccoli.
Si parte...

Lesa, giovedì 8 dicembre al via il premio “Lago Maggiore”.

LESA (n.l.) - Giovedì 8 dicembre prossimo alle ore 16 nel salone della società operaia di Lesa si...

Lesa, mostra collettiva di Natale

LESA (n.l.) - Si terrà fino al prossimo 11 dicembre nella sala Pertini di Lesa, la "mostra collettiva...
Scrivici su Whatsapp!