22 Feb 2024, 05:22
9.6 C
Arona

Borgomanero, terminato il restauro del monumento ai Caduti e della ‘Pietra Scritta’

Data:

Condividi articolo:

BORGOMANERO – Con la pulizia delle parti lapidee e bronzee, si è conclusa la prima fase di restauro al monumento ai Caduti della prima guerra mondiale, ubicato in piazzale Marazza (davanti alla stazione ferroviaria) e conosciuto come “Niclin”. L’opera, a firma dello scultore Eduardo Tantardini, è costituita da un basamento su cui si eleva un obelisco al quale è addossata una scultura in bronzo raffigurante un uomo che si libera dalle catene. Sul lato opposto è invece presente un bassorilievo in bronzo raffigurante scene di lavoro agricolo. Secondo una diceria popolare,  si racconta che il Tandardini, per realizzare la figura umana secondo i canoni dell’epoca,  prese a modello un nerboruto contadino di Santa Cristina, Michele Valloggia. Costui venne poi ricompensato con “cinque nichelini”. Da qui il popolare nome con il quale è conosciuta la statua: l’Niclin. La seconda fase del restauro sarà concentrata sul bassorilievo bronzeo, nel quale è evidenziato un uomo intento ad  arare i campi, mentre un secondo conduce i buoi che tirano l’aratro (questa seconda figura presenta la perdita del braccio sinistro); sul lato sinistro del bassorilievo è rappresentata una donna che trattiene a sé due bambini (di cui uno mancante della testa). Il restauro è finanziato con fondi MiC – Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio .  E’ terminata la pulizia della “Pietra Scritta” nell’omonima via. L’area è stata risistemata con il taglio degli arbusti e presto verrà delimitata per favorire la visibilità del reperto storico. La “Pietra” è una delle testimonianze del passato  della Città di Borgomanero: in essa è contenuto il documento che assegna al Vescovo di Nardi, le rendite dei prati nei pressi di San Leonardo. “ Il recupero dei beni che raccontano la storia della nostra Città – sottolinea il Vice Sindaco con delega al Patrimonio e Bilancio Ignazio Stefano Zanetta – è un passo significativo per la Comunità; in più siamo riusciti ad ottenere contributi dallo Stato che sottolineano l’importanza e la qualità progettuale degli interventi che proposti”. “Continuiamo con il recupero del patrimonio culturale cittadino – rimarca l’Assessore ai Lavori Pubblici Elisa Zanetta – E’ in programma, nel breve periodo, anche il restauro della Cappella votiva di Vergano di proprietà comunale. Con questo vogliamo evidenziare la sensibilità ed il rispetto verso la nostra comunità, la sua storia e le sue tradizioni.”

Articoli correlati

Lesa, Calogna avrà un nuovo campo da calcio

LESA. Nella frazione di Calogna, nei giorni scorsi, sono iniziati i lavori per la realizzazione del nuovo campetto...

Lesa, lavori di rifacimento del marciapiede nei pressi della scuola “Alessandro Manzoni”

LESA. Hanno preso il via con gli operai di una ditta privata, i lavori di rifacimento del marciapiede...

Nebbiuno, la 99enne Anna Possi diventerà Cavaliere al merito della Repubblica

NEBBIUNO- Anna Possi, la barista più anziana díItalia e forse d'Europa che a 99 anni gestisce in autonomia...

Belgirate, nuovi orari per il Servizio Demografico

BELGIRATE. L'ente comunale di Belgirate informa i cittadini che é subentrato il nuovo orario di apertura al pubblico...
Scrivici su Whatsapp!